Post

Visualizzazione dei post da 2016

Scambiamoci un segno di pace.... noooo? Ma vaffanculo!

Immagine

Un apolide - breve storia personale del referendum costituzionale 2016

Immagine

Dinamo al cinema

Immagine

Nomi di famiglia

Immagine

Come la poesia può salvarvi la vita

Immagine

Ah dimenticavo l'inchiesta su Elena Ferrante

Immagine

Si sopravvive anche senza finanziamenti culturali

Immagine

FIGURAZIONE FERMANA

Immagine

Mario Lo Tasso nato cantante vissuto e morto poeta, Campobasso

Immagine

Quando si dice la dolce vita

Immagine

A settembre si è tutti più boni

Immagine

Ancora diario nullo estivo. Menomale che l'estate sta finendo. Tema: i bar vecchi e i bar nuovi

Immagine

L'intervista

Immagine

Diario nullo. L'ipermercato

Immagine

Diario nullo; qualche briciola d'amore e tanto altro ancora

Immagine

Diario nullo (7), oh le donne!

Immagine

Diario nulla estivo, 3

Immagine

Diario nulla estivo, 2

Immagine

Diario del nulla estivo, 1

Immagine

Chi avrà poi assurdamente comprato l'abito vincitore del premio Grillparzer?

Immagine

L'uomo che sogna forte

Immagine

Gesti essenziali (la Donazione di Celati)

Immagine

Qualche altro pezzo sulla nostra nientità

Immagine

Qualche pezzo su tutto il niente

Immagine

In un pomeriggio bianco - M. Lo Tasso

Immagine
Le nuove liriche della maturità di Mario sono speciali. Ne abbiamo trovati quattro chili nel fienile della casa in Molise. Ne pubblico una (solo per veri lotassiani). 


Il frizzico dello zio scrittore

Immagine

Un dio del nostro tempo

Immagine

Fantasie dallo spazio (letterario?)

Immagine
Gentile lettore, buonasera. In questa azzurra favoletta che mi accingo a raccontarvi stasera penso sia contenuta una morale che si potrebbe riassumere così (anche se non ne sono molto sicuro):

La mia cantina

Immagine

Mario Lo Tasso in Pasqua o del riposo degli ingiusti

Immagine
Come spesso accade quando parliamo di poeti sacri, le feste comandate diventano motivo letterario tra i più raffinati e sentiti. Mario Lo Tasso, discendente nobile di questa insalubre razza, non poteva perciò esser da meno. Propongo in questa serata di festa una sua poesia della maturità, di tema pasquale ma di incerta datazione (si tratta di un componimento risalente alla Pasqua del '70, forse del '73) che trascrivo pari pari dal ms 476 conservato nella fredda soffitta di casa sua, Campobasso periferia - ringrazio Matteo per la solita gentilissima collaborazione. Buona Pasqua a tutti e buona lettura. Comincia la poesia...

La casa di Alda Merini

Immagine

Lo zio matto

Immagine

Jerry Calà e altri infingimenti

Immagine

L'intervistatore maledetto - una parabola imperfetta

Immagine

Di Lo Tasso ce n'è solo uno (più poesia inedita)

Immagine

Un canovaccio della mia vita pensosa

Immagine

Scampagnate

Immagine

Dinamo all'estero

Immagine