L'intervista




L'altro giorno stavo facendo una partita a biliardino sotto lo stabilimento al mare quando è arrivato un giornalista culturale col berrettino in testa e il taccuino che mi ha chiesto a bruciapelo e senza alcun riguardo per la mia concitazione agonistica quali erano secondo me le linee fondamentali del romanzo contemporaneo. 
Purtroppo io, preso così alla sprovvista, con le stecche ancora in mano, con un occhio mezzo chiuso e un occhio mezzo aperto, senza una cedrata al mio fianco, né una sigarettina di conforto, mi sono ritrovato completamente senza risposte. E non ho potuto far altro che balbettare qualche scusa, facendo una pessima figura intellettuale. 
Fortunatamente vicino a me c'era il grande Gabriele, bravo stuccatore più installatore di infissi, capelli neri tinti scoloriti al sole, che dopo aver segnato un gran gol, senza rullare, tirando una gran fiammata dalla sua porta (lui era i rossi io i blu), ha iniziato a rispondere lui, ha detto di Bolano, di Vargas Llosa, di Vila-Matas... Io mi ero così tranquillato, ma il giornalista, dopo aver fatto tante volte sì sì con la testa all'indirizzo di Gabriele ed avergli messo 10 (o 9½), mi ha ridetto ma lei sicuro sicuro che non sa niente? io ho risposto io proprio adesso così non... 
Ed è andato via appuntando credo un voto basso. 
Dopo abbiamo ripreso a giocare a biliardino ma Gabriele stava troppo avanti con i punti, abbiamo smesso dopo poco, avendo vinto lui. 
E poi via con un lento bagno obliante. Più o meno.



Ps: (Questo primo racconto di ambientazione marina, riadattabile per ogni occasione agostana, è in vendita da oggi sulla costa adriatica fino alla fine dell'estate e costa 2 euro. E' gradita la prenotazione).

Pps: Abbiamo lettori dice il contatore del blog anche dall'Arabia Saudita. Benvenuti a voi e se si può dire su questa rete, viva i petrodollari!

Ppps: Per chi volesse rimettersi a pari con le vecchie avventure di Dinamo venditore ambulante, rivolgersi QUI. Molti problemi quest'anno sono stati superati. Grazie e buon Ferragosto!
Ci scriviamo.