Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2013

Un racconto di Mario Lo Tasso (finalmente!)

Immagine
Me l'avevano chiesto in tanti, non sapevo che cosa rispondere se non che le poesie di Mario sono già una mescita di poesia e narrativa. Ma negli ultimi giorni stanno venendo fuori dai bauli delle grosse sorprese e ci sentiamo di dire senza se e senza ma che Mario Lo Tasso fu anche uno scrittore di narrativa piena, un narrativo tout-court (anche un po' troppo corto). 
Tra le cose rinvenute in queste settimane di totale full-immersion lotassiana, abbiamo scoperto dei cimeli addirittura sorprendenti (lettere d'amore, abbozzi di romanzi-fiume, disegni di moda, cruciverba, parole crociate incompiute). 
Altri siamo certi verranno fuori in corso d'opera. 
Altre a tempo debito, altre mai, che sempre a tempo debito sono. 

Quello che qui vi si proponiamo di seguito è un racconto breve di sapore  "autobiografico"... ma come sanno i miei lettori, in letteratura, tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. Per fortuna. 




Bolaño ed esilio

Immagine
LETTERATURA ED ESILIO, di Roberto Bolaño 
(tratto da Tra parentesi, Adelphi)



Sono stato invitato a parlare dell’esilio. L’invito era scritto in inglese e io non so l’inglese. C’è stato un tempo in cui lo sapevo o credevo di saperlo, in ogni caso c’è stato un tempo, quand’ero adolescente in cui credevo di saper leggere l’inglese quasi altrettanto bene, o altrettanto male, dello spagnolo. Purtroppo quel tempo è passato. Non leggo l’inglese. A quanto sono riuscito a capire della lettera che ho ricevuto, credo di dover parlare dell’esilio. Ma posso benissimo aver frainteso, il che, a ben vedere, sarebbe un vantaggio, perché io non credo nell’esilio, soprattutto non credo nell’esilio quando a questa parola si accompagna la parola letteratura.

Per me, penso sia il caso di dirlo subito, è un piacere essere qui con voi, nell’illustre e famosa città di Vienna.

Per me Vienna è strettamente legata alla letteratura e alla vita di alcune persone molto vicine che intesero l’esilio come a volte lo inten…

Due tempi

Immagine
PRIMO TEMPO (durata media)


Gente di Parma Parma non ne ho mai conosciuta, ci so' passato tante volte ma non ho mai conosciuto nessuno. Almeno fino a sabato l'altro, quando trenin facendo per scendere in meridione, con una slavina di ore vuote da schivare, ho conosciuto un capotreno di Parma che s'è messo a parlare con me del più e del meno (del meno soprattutto, del più ci pensa già la televisione e gli altri).
Capitava che andasse via di tanto in tanto, richiamato al dovere da una ricetrasmittente vecchia appesa a collare che sembrava come quelle specie di rasoi dove ci parlano dentro i semiafoni o gli operati alle corde vocali. Tornava sempre, però, dopo una mezzora e riprendeva a parlare del meno. 
Quando sono arrivato a destinazione (portavamo pure un ritardo bello pesante), l'ho salutato e l'ho anche ringraziato: lui avrà pensato che lo ringraziavo per avermi dato una mano a passare il tempo, per averci fatto compagnia e m'ha ringraziato sinceramente pure lui…