Non si può barare più

Che c'è da capire in Rien va di Landolfi?
Parecchio; 
e poi, ancora, che le parole e le cose, in letteratura, bisogna potersele permettere- per potertese permettere, bisogna essere uno spirito enorme con doti di prestigiatore. Sennò, si fanno solo delle figure di merda: la fortuna è abolita... tanti autori, con quel genere chiamato diario o forma diaristica, hanno fatto solo colore, pettegolezzo imbellettato, ciancia recriminata, bucatini: non si può barare più, dopo una certa riga. 
Allora com'è che questi continueno?
E' perché non gliene frega un cazzo a nessuno, ecco perché. Purtroppo, a me, l'ammetto, un po' sì che me ne frega... E' un g(u)aio, lo so. 

      

Commenti

  1. Buio.
    Se volessi b(l)eff'armi me lo scriverei un journal. O almeno tenterei di bugiardare ben bene la verità degli accadimenti.

    ilMatt., "signora, il ragazzo si sta responsabilizzando"

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari del mese

Le ragazze con il grilletto facile