Loredana Lipperini tribuna delle libertà


La signora Loredana Lipperini ha fatto un post sulla libertà di espressione su internet, oggi. (Non metto il link perché sennò guadagna posizioni sulla Classica Wikio).
L'ha pubblicato e imbacchettato proprio lei che stira in media quasi tutti i commentatori critici colla linea del suo blog e della sua testa(ta).

Le ho scritto questo commento diseguito per comunicarle che secondo me c'era del controsenso, nel suo casus belli, a parlare di Libertà su Internet e Censura:
Lei Lipperini è una che ha il correzionale facile, ieri mi ha schiacciato un commento (me ne sbatto sia chiaro, ma l’ha fatto, facendomi tra l’altro passare per ignorante in materia Classica Wikio quando ero solo dissenziente colla metodologia, conoscendo perfettamente i meccanismi).
In più non sono pochi i blogger che denunciano in rete la sua scarsisssima capacità di accogliere in questo luogo pensieri a lei non ortodossi.
Cioè, li cassa forte.
Direi che questo post sulle libertà in rete, lei poco se lo può permettere.
Spero non cancellerà questo commento, ma lei non è fessa.

Postato martedì, 5 luglio 2011 alle 9:27 pm da
Dinamo Seligneri

Forse non ci crederete, ma l'ha cancellato.
Mica fessa.


Questo anche per dire che la manifestazione-evento in corso d'opera sullo s Bavaglio del Web e sulle ingerenze che vorrebbe permettersi l'Agcom per inchiappettare il diritto d'espressione in rete dovrebbe ficcarsi nella cucuzza che c'è chi della Libertà non ha bisogno e che anzi non sa dove sta di casa, CON o SENZA decreti liberticidi.


Commenti

  1. Ti ho menzionato indirettamente nel mio post du oggi qui:

    www.lucioangelini.splinder.com

    RispondiElimina
  2. Cippa Lippa sta nascosta dietro il sipario con la gomma in mano.
    Sono legioni i commenti desparecidos.
    Essendo anche stanca,ha arruolato alcune delle sue ancelle bambine alla cancellazione.
    Ormai è diventata patetica.L'abbiamo omaggiata con diversi posts,la cancelliera

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari del mese

Victor Cavallo poeta