Da Wilders a Borghezio: come sempre, le idee migliori fanno il giro del mondo(!)


L'europarlamentare leghista (ossimori?) Borghezio ha fatto sapere che sulla falsariga di Wilders, leader xenofobo dell'estrema destra in Olanda che l'ha da poco attuato nel suo paese, la Lega Nord ha intenzione di aprire un sito sfogatoio che "dia la possibilità a tutti i cittadini di segnalare fatti e comportamenti di rilievo inerenti gli immigrati extracomunitari" (parola di Borghezio; grassetto mio).


"La maggioranza silenziosa di coloro a cui finora non é stato possibile aver voce per denunciare i fatti, i comportamenti e i guasti sociali ed economici, in una parola il volto negativo di certa immigrazione, troverà finalmente uno spazio per esprimersi e, perché no, potersi sfogare senza l'occhiuto controllo della censura che si abbatte inesorabilmente sulle opinioni sgradite alla cultura dominante" (parola di Borghezio; grassetto mio).


"Uno spazio di libertà aperto alla collaborazione di tutti, uomini e donne delle forze dell’ordine ovviamente compresi, ai quali garantiremo l’anonimato" (parola di Borghezio; grassetto mio).





L'iniziativa, promossa dai Volontari Verdi in collaborazione con il consigliere comunale di Milano, Max Bastoni, avrà, precisa Borghezio, manco a dirlo , anche finalità culturali oltre che politiche. 
(Già, la cultura!). 


                                                ***


Preciso e ricordo che siamo nell'anno di grazia (?) 2012, e c'è chi intraprende azioni razziste, di delazione e caccia allo straniero di questo tipo, con garanzia di anonimato.
Fortunatamente c'è chi non considera certe pratiche come normali:  nella riunione plenaria di ieri il neopresidente del Parlamento Ue, Martin Schulz, ha infatti solennemente protestato per l'iniziativa di stampo razzista di Wilders. Speriamo serva a qualcosa, in Olanda come in Italia. 



Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Medicus, ho tolto il tuo commento perché insultante.
    Quello che dice e propone Borghezio (e la Lega Nord) non piace nemmeno a me, è evidente, e lo dico da sempre, anche satireggiandoli, ma senza insultare o mettermi nelle condizioni di poter essere accusato di diffamazione.

    ciao

    RispondiElimina
  3. ... se vale pure facciamolo anche per i nativi italiani, FACCIAMOLO!

    RispondiElimina
  4. Questa deprecabile iniziativa di Borghezio mi ricorda tanto la lista nera promossa dall'America in un certo periodo storico in cui si invitava il cittadino americano a farsi delatore di eventuali altri cittadini sospettati di essere simpatizzanti del comunismo, nonché la caccia alle streghe durante l'Inquisizione e la persecuzione degli Ebrei sotto il Nazismo.

    E, per restare in tema, c'è pure chi esorta la liberta di poter schifare gli omosessuali:

    http://www.ilfoglio.it/preghiera/607

    Penso che certe iniziative si qualifichino da sole, così pure chi le promuove.

    RispondiElimina
  5. Beh, uno sfogatoio potrebbe pure avere una funzione terapeutica ...
    uno spazio di delazione, no.
    Lo sfogatoio è pericoloso più che altro perché a molta gente piace passare dalle parole alle vie di fatto.
    E' un argomento delicato.
    In realtà quello che si disprezza nello straniero non è la diversità, ma la povertà, secondo me.
    Uno straniero ricco non da fastidio a nessuno.
    Con lo straniero povero scatta la paura di dividere la pagnotta. O meglio, di essere obbligati a dividere la pagnotta.
    Al di là dell'iniziativa di Borghezio, che lascia il tempo che trova (l'immigrazione è ormai un fatto mediamente accettato dalla popolazione), non bisogna, sempre secondo me, avere paura delle parole.
    Purtroppo la gente non è matura per metabolizzare il proprio razzismo ... qualcuno deve proibirlo.
    Stessa cosa per il fumo, le cinture di sicurezza, ecc. ecc.
    Sarò impopolare, ma credo che non serva proibire a qualcuno di provare schifo per gli omosessuali ...
    Io non voglio vivere in una società nella quale le istituzioni decidono per cosa non devo provare schifo.
    Se lo schifo per gli omosessuali si traduce in una azione violenta di qualsiasi tipo, beh, c'è il codice penale, almeno per ora.
    Ne ho già parlato su NI, una volta, e ho rischiato il linciaggio.
    Considero il reato di omofobia una stronzata.
    Non dico nemmemo che non ho nulla contro i gay, perché è una roba trita e ritrita: per me non c'è il gay, lo straniero, Borghezio ... ci sono le singole persone, che possono essere brave, buone, belle, brutte, stronze o bastarde, a qualsivoglia categoria appartengano. Borghezio si qualifica da solo ... anche se è meno scemo di quello che sembra.

    PS saerbbe bello introdurre uno sfogatoio per stranieri i quali, sotto anonimato, possono dire tutte le peste e corna degli italiani, denunciando ogni tipo di malefatta.
    Allora ne vedremo delle belle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi, per dire, extracomunitario è pure l'americano, l'australiano, il giapponese. Però di questi non parla male nessuno.

      Il problema non è la libertà di avere simpatie o antipatie, che restano legittime, il problema è incendiare gli animi per indurre ad azioni violente o a discriminazioni di fatto.

      E anche categorizzare. Le persone sono persone con una loro complessità che non può in alcuna maniera essere riducibile al genere, ai gusti sessuali, al paese di provenienza e così via.

      Elimina
  6. Naturalmente ho parlato basandomi su condizioni ideali ... la bestia umana ha bisogno di lacci e lacciuoli per non combinare guai.
    Bisogna educare la gente a essere buona.
    Altrimenti i cattivi come fanno?

    RispondiElimina
  7. ho sempre pen sato che troppi libri l'etto fanno male
    ma male mal'assaje

    Alì Ghieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fanno male i libri a letto. Sul divano meno. :-D

      Elimina
  8. Massimo, sai qual è il fatto?, che le opinioni, i convincimenti e le posizioni concettuali politiche o morali della gente non sono gratis, perché la gente non le partorisce da sola quelle convinzioni, se le ritrova apparecchiate da chissà chi, dappertutto. e sceglie.
    pure io sono per l'avanzata della libertà, sono perché uno abbia la libertà di essere anche(senza nuocere a nessuno e senza violare la legge) razzista e omofobico. ma mi chiedo anche una cosa: chi fomenta il razzismo, chi fomenta l'omofobia, chi fomenta questo e quell'altro, che se ne fa di un razzista fermo? di un omofobo fermo? non se ne fa nulla. come minimo, deve andare a votare, minimo. ed ora un partito che predica la caccia alle streghe non è un partito da andare a votare. secondo me.
    ecco allora che io non sono per mettere a tacere nessuno, Massimo, figurati, ma certe cose le dico perché forse fa bene dirle. gli stereotipi, le confessioni, le prese di posizione non sono gratis.
    pensa all'invenzione di berlusconi. berlusconi ha inventato la destra garantista. dici, buono, erano sempre stati per il manganello! col cazzo è buono! la destra garantista berlusconiana è di garantismo puro, è garantista coi ricchi (si torna ai privilegi feudali) che secondo meritocrazia se lo meritano, ma è spietata e feroce e forcaiola coi poveri (che non essendo diventati ricchi, hanno colpa due volte: "silvio s'è fatto da solo!" recita la vulgata, l'ammericano... ed hai ragione a dire che in ogni cosa la povertà è un'aggravante, se non proprio un movente... tanto il povero è il perfetto sversatoio degli sfoghi di chiunque, anche tra poveri: il povero non ha coperture, né difese, né conoscenze né soldi... ha più difficoltà a vendicarsi).

    Poi, vabbè, manifestazioni come questa di Borghezio, come dice Biancaneve, si commentano da sole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, non si commentano da sole, si combattono

      Alì Ghieri

      Elimina
    2. Si commentano e si combattono.
      Giusto!

      Elimina
  9. sto guardando un popolare programma su NL 1 e stanno parlando di questo "meldpunt" sugli stranieri dell'est che ha messo in rete Wilders.

    In pratica si rivolge ai polacchi. Pare che il problema qui siano i Polacchi. Criminalità eccetera.

    Il premier liberale Mark Rutte si è rifiutato di prendere pubblicamente le distanze.

    I cattolici al governo con i liberali (più il determinante appoggio "esterno" del PVV di Geert Wilders)pretenderebbero invece una presa di distanze da parte del Governo.

    Wilders ridacchia su Twitter.

    Qui la paura della recessione incalza, e penso che il governo cadrà entro 100 giorni (vediamo se ci azzecco...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo senso sarebbe bene combattere certe iniziative.

      che il governo non prenda le distanze a me pare assurdo... mah!

      Elimina
  10. Dobbiamo impedire che i poveri si scannino tra di loro. Bisogna combattere in primo luogo i privilegi. Come? Bella domanda.
    Non sarà indolore.

    RispondiElimina

Posta un commento