Duetti corsari




Commenti

  1. Due pezzi bellissimi.

    Mulholland Drive è uno dei miei film preferiti in assoluto. E la scena all'interno del teatro in cui Rebekah del Rio canta Llorando è semplicemente da brividi.

    Anche Bjork è tra le mie autrici e cantanti preferite.
    Hai visto Dancer in the Dark di von Trier con Bjork? Canta dei pezzi meravigliosi.

    RispondiElimina
  2. P.S.:
    hai visto che è uscito il primo album di Lynch? Ho ascoltato dei pezzi, sono particolari, anche se non propriamente il mio genere.

    RispondiElimina
  3. Mulholland Drive è anche uno dei miei preferiti, ma direi che Lynch è tutto un capolavoro, molti dicono che con Inland Empire abbia esagerato, forse un po' è vero, ma anche no.

    Dancer in the dark è un capitolo per me, un capitolo a parte. Dovrei rivederlo, lo vidi tanti anni fa, e ci furono cose che mi infastidirono tanto (ed altre che mi entusiasmarono), oggi credo che le intenzioni del buon Lars erano di altro tipo rispetto a quelle che m'ero figurato io, certo è che la gente che pianse al cinema come bambini sculacciati era fuori strada, o era "al primo chilometro" della strada.

    Non ho sentito il primo album di Lynch, mi sa che fo una ricerca.

    ciao Biancaneve, mi fa piacere ti siano piaciuti i due pezzi

    RispondiElimina
  4. Guarda, su questo blog (di un ragazzo molto simpatico che seguo), trovi alcuni brani dell'album di Lynch:

    mulosetaccioepiccone.blogspot.com

    In quanto a Lynch, beh, io sono una sua fan accanita dai tempi di Twin Peaks ;-)
    In Inland Empire si è lasciato un po' prendere la mano, sì, diciamo che la parte centrale poteva anche non esserci senza che il film ne avesse risentito. Ma è comunque un'opera immensa.
    Ci ho scritto due righe qui, ma diciamo come spunto per parlare di altro:

    http://ildolcedomani.blogspot.com/2011/03/luce-ed-ombra-quiete-e-movimento.html

    Dancer in the Dark è un film immenso, da rivedere, come tutti i film dell'altrettanto mitico Lars. Recentemente ho rivisto Dogville e ancora non riesco a venirne a capo. Così stratificato di significati.

    Ecco, Lynch e von Trier per me sono due artisti autentici. Artisti prima che registi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari del mese

L'Ulisse di Joyce e la nuova traduzione di Newton Compton

Una regione letteraria