L'Italia è un paese litigioso, caro Paolo e tu lo sai

Da ultimo, qui sui blog, si parla della libertà d'espressione e del controvalore in censura, applicabile, non applicabile eccetera. Ne ha parlato con solita lucidità il compagno di merende fantasiste Larry Massino qui nel suo podere, in relazione al bruttissimo articolo di Bertrante sul Fatto Quotidiano, ed anche sul sito Le parole e le cose le parole potrebbero cambiare le cose o viceversa, molto verosimilmente per i commentatori scettico-insubordinati o finiti come palline da biliardo (casualmente) sul cazzo di qualcuno... che ci vuoi fare?

Ma c'è da dire che se i sardi hanno edificato un caso territoriale e deciso (dando mandato ad un avvocato) di denunciare Paolo Villaggio e appenderlo al palo per questo:




che senso ha parlare in questo paese fognario di libertà d'espressione?
Continuiamo, più seriamente, a parlare di calcio, ché non (ci) rimettiamo di sicuro...

Commenti

  1. Considero Villaggio un genio. Forse esagero, ma Fantozzi è una creazione talmente potente che
    surclassa qualunque pippetta letteraria post-postmoderna degli ultimi 50 anni.
    Peccato che anche i geni si dimentichino che in TV non si può parlare come in un bar.
    E poi i sardi (specialmente i pastori) sono permalosi si sa ... e anche le pecore, poverine.
    Comunque Villaggio, da quell'uomo di mondo che è, si è detto pronto a chiedere scusa con il capo cosparso di spine.
    Scherzi a parte Dinamo, questa litigiosità che c'è nell'aria mi fa pensare a un magistrale capitolo de La Montagna Incantata intitolato proprio "Crisi di suscettibilità".
    L'avvicinarsi della catastrofe (in quel caso la I guerra mondiale) creava strane elettricità. Anche adesso il senso di genralizzato livore che si vede in giro non promette nulla di buono.
    Va a sape'.

    RispondiElimina
  2. Massimo, anche io considero Villaggio un genio, ed un genio che piaceva alla gente (pur rimanendo genio, mica come Benigni).... Sul fatto che c'è una litigiosità in giro così esasperata, non so con che pescivendolo prendermela (c'è da dire)... forse colla dieta ipercalorica identitaria; se si cominciasse a considerare l'identità, l'Io e l'angelo custode una grande simulazione teatrale invece che un'autorità sugli altri... ma così non è.

    RispondiElimina
  3. Confermo che Villaggio è un genio, ma troppo cinico (al contrario del Bernhard scettico sentimentale di cui si diceva prima). Vabbè, si fa quattro chiacchiere tra noialtri...

    RispondiElimina
  4. Villaggio sarà pure cinico (che l'arte poi meno sentimentale è meglio è) però i margini di espressione in tv sono completamente slabbruzzati... regna un perbenismo talmente insopportabile che c'è quasi da vergognarsi a parlare di censura su internet... vabbè che i discorsi sono diveri, ma tant'è

    RispondiElimina
  5. Mi associo: anche io ho sempre trovato Villaggio geniale. I suoi libri su Fantozzi sono dei capolavori: un vero specchio dell'essenza dell'Italiano medio.

    Ma davvero i Sardi se la sono presa? Ma ha fatto una battuta. :-D

    RispondiElimina
  6. @Biancaneve,
    i sardi se la sono presa per prendersela... ma soprattutto mi sorge una domanda: che cazzo è successo a blogger?????? :-)))
    mah

    RispondiElimina
  7. Mah. In effetti noto che i commenti del tuo blog hanno una grafica diversa. Nel mio no però. Si vede che hanno rinnovato alcuni modelli di template (si chiamano così?).
    Hai notato qualche altra differenza?

    RispondiElimina
  8. Ah, e poi ora, sempre nei commenti, appare l'opzione "rispondi", per cui si può rispondere riferendocisi ad uno specifico commento, un po' come il "reply" di wordpress. Il mio blog però è rimasto uguale.

    RispondiElimina
  9. Hanno riconfigurato il modulo commenti incorporato sotto il post (ma credo solo per i modelli blog simple) in diversi punti, l'autore del blog ha una pennina/termometro affianco all'avatar, il corpo del carattere è più piccolo e non si può ingrandire se non con zoom manuali, la datazione è impostata su AM e PM ed in inglese, chissà secondo quale meridiano poi...
    forse me lo tengo così... è più divertente
    ciao

    RispondiElimina
  10. Ma sì, tanto il tempo, inteso anche come orario, è un concetto relativo. :-)
    Non ho capito la funzione della pennina/termometro: per misurare cosa, di grazia? :-D

    RispondiElimina
  11. ciao dinamo,
    sì forse i sardi hanno esagerato, o meglio, hanno esagerato, però la battuta di paolo villaggio non mi ha fatto ridere, l'ho trovata un po' greve.
    Il tuo blog non l'avevo mai visitato, ci ripasserò.

    maria m.

    Maria M.

    RispondiElimina
  12. Ciao Maria, benvenuta.
    Sicuramente non è la sua migliore battuta, sono d'accordo, però mi spaventa il perbenismo che c'è in tv, che ha fatto fuori uno dopo l'altro tutti i comici meno banali, promuovendo una comicità cabarettara insulsa senza diritto alla replica critica, a cui non è dato di replicare criticamente o inventare, una comicità che a me non dice niente... sarà un discorso logoro e scontato, me ne rendo conto. Non credo poi che la tv che ha una forte carica di sterminio al suo interno possa poi veramente sterminare il bello che c'è nelle persone, però è inutile a dire che massaggia e incoraggia (per la maggiore) la parte brutta e sciocca della gente.
    Dico per chiudere che il perbenismo televisivo è un perbenismo che mortifica solo le forme, teme le forme plastiche del dissenso (oltre ai contenuti che però ignora), ma poi quando c'è da lusingare ed aggraziarsi il pubblico colla volgarità e le pesanti infrazioni alle persone, non si tira mai indietro, anzi, è tutto fuorché perbenista, ma è una carenza di buonismo calcolata e sottocontrollo, come tutta la comicità che si esprime oggi in tv.

    Grazie d'esser passata Maria, torna quando vuoi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari del mese

L'Ulisse di Joyce e la nuova traduzione di Newton Compton

L'arte di trollare