Tra amici




A: Comunque, puoi dire quello che ti pare, quello è strano forte
B: Mah... strano forte... diciamo che parla poco... sta un po' sulle sue
A: No... non parla per gnente... almeno con noi...
B: E' riservato... c'ha i fatti suoi
A: Quando stai a lavorare devi pure parlare, stare in commercio, farti 'na risata 'gni tanto... devi saperci stare sopra a sta terra... non è che ti puoi fare sempre i cazzi tuoi eh...
B: Epperché, se uno c'ha tanti cazzi che se ne vuole stare un po' da parte, non può scusa...
A: Non puoi fare sempre come ti pare... chi è quello il padreterno?
B: A me non mi pare che fa il padreterno..
A: E' scostante... mezzo lunatico... prima parla, poi non parla... mette il muso... cazzo vuoi? cazzo vai trovando...
B: E vabbè fallo fà... non ti ci fissare... mò 'mpararà... 
A: Ma che vuole imparare quello...
B: E aspetta un attimo... è presto, ha cominciato da poco
A: Quello non impara... è un tipo strano 
B: Ti ci sei fissato proprio co' ssò poveraccio eh... E fallo fare... non è strano... è giovane...
A: Ma che faccio fare faccio fare... a parte che nnè giovane come dici tu... come minimo tenerà 'na quarantina d'anni, sembra giovane perché nnà mai fatijato un giorno in vita sua, te lo dico io... è pure sposato... l'altro giorno è venuta la moglie a portargli na cosa che s'era scordato... qualche medicina mi sa... la moglie è 'na tipa tranquilla... pure bruttina... Comunque, tornando al discorso, io non ce l'ho con nessuno... è quello che non... come ti devo dire... non mi...... nnà ccont e nnà ccusa... è facile a parlare per te, ma co' quello ci sto io gomito a gomito tutti i giorni, mica tu o quegli altri amici tuoi... pe' non parlare di quell'altra cosa delle scommesse, co' uno così come fai? 'na volta gliel'avevo mezzo cominciato a dire ma poi... t'ha rifà llà faccia da stoccafisso, che gli posso dire? manco ascolta secondo me... gnene frega niente...
B: Piano piano, preso alla maniera giusta, vi trovate bene... vedi che mica è scemo... hanno imparato tutti... 'mparerà pure lui... che ji manca? 'n'orecchia... il cervello... 'na coscia?... che ji manca?... niente... e dagli tempo!
A: E gli ridà co' ssù 'mparà e ssù temp... ti dico che non è tagliato. Fidati quando ti dico 'na cosa... per non parlare che stiamo allo stesso reparto mò, finché non mi spostano (ché tanto prima o poi a me m' sposct... lu sì)... e non è facile a lavorarci... come faccio co' uno che fa in quel modo, ah... avanti? ci vuole il cuore mio...
B: Essivede che non lo ispiri... io a parlare l'ho visto un sacco di volte
A: No no, mò non te la riggirare, ché non è così... il problema non so' io... ché pure cogli altri fa come fa con me... non ti credere... l'hai sentito il caporeparto... l'ha detto pure Mario... quello non si ispira co' nessuno... forse manco respira... io c'ho la mia idea, te l'ho già detto...
B: E che idea è mò... che m'hai detto?
A: Pò esse' uno che controlla e riferisce... per i piani alti... che ne sai?
B: Esagerato come sempre, ma come fai a dirlo... dorme un po' dai... ma è in buona fede... se faceva le soffiate magari gli conveniva fare l'amicone, no?
A: Dorme in piedi... vedi che lo dici pure tu... ma io alla buona fede della gente non ci credo più... e te lo dico mò: se quello continua a fare il fesso in quel modo... un giorno di questi... 'na papagna in faccia non gliela leva nessuno... a me mi deve rispondere come mi deve rispondere... no a piacere suo... E deve stare attento pure cogli altri mi sa a fare il coglione... molto attento...   
B: Durmarà in piedi, durmarà a lu lett, che ne so io... ma tu ti devi stare calmo e non devi fare cazzate... eppoi che ne sai tu di quello che pensa e quello che no... dico io... se ti sta sul cazzo, non lo pensare... pensa per te.
A: Ascolta a me... quello, mò un po' l'ho conosciuto, se metti che va a fare che ne so la transiberiana, per dire, no, come Giulio, che uno quando torna chissà che cazzo ti vuole raccontare... Giulio m'ha fatto na testa così... se ci va quello, quando torna, gli chiedi allò com'è ssà transiberiana? quello lo sai che ti può dire al massimo?
B: Che ti può dire?
A: Ma che ti vò dic'? Fa llù sguard' da cujò (coglione)... ti dice due parole... ttè ttè ttè ttè che non lo sa manco lui e stop... dai su, è nu scem... è stato in Ungheria dieci anni, 'na volta l'aveva detto... ma che c'ha cavato? ti pare uno che è stato in Ungheria dieci anni? a me mi dà l'idea di uno che nnè scito mai di casa... poi ti dicess 'na volta l'Ungheria è cuscì, ci sta questo... il presidente dell'Ungheria è buono è cattivo... mi so' trovato bene... male... che ne so... zero... piatto totale... Non ci puoi fare affidamento, su... 
B: Ma che te ne freg a te de lu president dell'Ungheria
A: Ma è per dire su... a parte che poi a me mi interessa... ché so' un tipo curioso... eppoi ti dicesse mai 'na volta vienimi a trovare a casa... ci beviamo 'na cosa... come mò io e te... non invita mai... a te t'ha 'nvitato mai?
B: No, non m'ha invitato mai, magari gli sto sul cazzo... Oste! scusa... ci porti 'n'altra boccia... sì, mezzo litro...
A: Capito com'è... un po' così... fa un po' strano, per come siamo fatti noi... che poi sta sempre là indeciso... lo faccio nnò faccio.... sembra quei cantanti vergognosi che gli preparano sempre la serata ma non salgono mai sopra al palco... ché gli tremano le gambe... 
B: Ecchene sai, magari è veramente un artista?
A: Un artista? 

B: Un artista
A: E dove esce fori sta cosa... qua comunque non ci vogliono mica gli artisti... ci vò gente che sa stare in comitiva, e che fa quello che deve fare.
B: Sì ma tu mi pari un turco porco giuda... non aveva detto a qualcuno che avevo scritto un libretto da giovinetto giovinetto?
A: Mbù... che ne so io di quello... 
B: Dico quando era più giovane... mi sa che aveva scritto un libricino... 
A: E chi c'ha parlato mai... te l'ho detto... che ne so io se ha scritto un libro quello là... non parla... magari scrive... gli farà bene... gli spioni scrivono i rapportini no?
B (pensando tutto il male possibile del sodale): Ma statti zitto una buona volta su... eccheccazzo... sempre a pensare a male... non è 'no spione... sarà un po' incantato a modo suo, un po' stralunato, dormirà poco cazzo ne so... ma non è 'na spia... mò la spia s'è inventato... e sempre a calunniare... io che so', uno dei servizi segreti? Te lo dico già da mò: so' troppo scemo per stare nei servizi segreti... non m'hanno voluto.   
A (facendo la mossa di non far caso alla sua denunciata pesantezza): Mi dispiace per te... pò esse' un lavoro interessante... comunque, guarda un po' là vah... è'ntrato 'n altro piccione...'n'altra volta... certo che sto posto è zozzo forte... piccioni, colombe, topi... forchette sporche... bicchieri incrostati... cazzo ci veniamo affà ancora?
B (come rimanendo colla concentrazione nell'altro discorso e non badando all'amico): hhhh
A: Mò vuoi dì che manco sta trattoria se n'è calata?... trattoria poi... è 'na bettolaccia su...  
B: Eh, sì sì... calare se ne so' calati parecchio come locale da quando gli s'è morta la madre...
A: E' 'na trattoria cinese ormai... so' tutti cinesi qua... 
B: Vabbò che ci sta di male... tanto sempre qua veniamo... e comunque il locale è rimasto al figlio, la mamma l'ha lasciata a lui
A: Vabbè che pure quella era 'n'altra bella pezza...
B: Ancora co' llà storia del segreto del caffè corretto?
A: Eh, hai detto niente... faceva un caffè corretto fenomenale, io lo prendevo sempre... dice vabbò non la vuole dire a nessuno la ricetta ché è un segreto... però, c'hai un'attività, a fijete che è socio, gliela puoi dire... No! Mai! E' il segreto! ecchessarà mai ssù segret...! mò s'ha mort... che ci da fa? e io ormai il caffè corretto come lo fanno mò non me lo prendo più... nnè come prima

B: E... non l'ha detto non l'ha detto... tosta la vecchietta. 
A: Quella manco se ci calava Cristo in persona ti diceva niente... di ssì tipi così, te le dico io, come quell'altro artista del libricino amico tuo là... meglio girare alla larga... 
B: Secondo me il caffè è buono pure mò che ci stanno il figlio e i cinesi... 
A: Sarà... a me mi pare di no...e comunque il locale se n'è calato...
B: Per i piccioni?... (ride)
A: Pure... qua il giorno co' ssè porte sconquassate è più piccioni che cristiani

B: A me però i piccioni mi so' sempre piaciuti... c'hanno qualcosa di particolare... 
A: A me invece m'hanno fatto sempre schifo ché so' brutti e portano le malattie... 
B: Ma che malattie vogliono portare più... 'na volta magari sì... ma mò che fanno più... eppoi a Venezia ce ne stanno tanti... a Milano, là a piazza Duomo, è pieno... non s'è ammalato mai nessuno di piccioni... Oste! Oste! 
Oste: Sì?...
B: Un caffè per il signore...
Oste: Il signore chi?
A: Come chi? IL PICCIONE!

Oste: Finisco a sciacquare 'ste tazzette qua e lo faccio uscire, scusatemi... lasciano sempre le porte aperte... un secondo...
B: Ma che uscire... prima fagli un bel caffè dei vostri... 
A: Un caffè prima maniera! 
B (sottovoce): E statti zitto...
PICCIONE: Grazie signore, molto gentile... però il caffè se è... corretto...
B: Certamente... corretto...
Oste: Con che cosa?
PICCIONE: Con l'anisetta

Oste: Evvabbene... un caffè all'anisetta per il piccione. 
Dietro al bancone armeggio di macchina espresso, tintinnio di cucchiaini e bottiglie di liquore. Una tazzina splendente. 
Oste: Ecco a lei il caffè
PICCIONE: Grazie moltissime... (inizia a bere) eccellente come sempre.
Oste (sorride)
PICCIONE: Grazie a lei per il caffè.
B: Pe' tanto poco... Piacere mio

Il piccione finito di bere, si congeda dagli amici e vola via. I due dietro, pagano e tornano a casa. 6 del pomeriggio... un pranzo lungo. L'oste senza segreto e col grembiulino alla cintola va finalmente fuori a fumarsi una sigarettina. Finisce. 




Post più popolari del mese

L'Ulisse di Joyce e la nuova traduzione di Newton Compton

L'arte di trollare