L'amore al tempo della fine dei partiti

Mia moglie mi ha tradito con un operaio dell'ex zuccherificio. È un fatto. Per questo, alle prossime politiche, voterò Berlusconi. Per punire lei che da poco aveva preso la tessera di SEL, Vendola, e la classe operaia che mi onoro quanto ti pare di farci parte ma vedi che begli scherzetti ti combina quando può…. Bella solidarietà. Allora il voto a quegli altri glielo do pure per punire me stesso, la mia inettitudine, la mia persona... Devono morì tutti. Io per primo.

L'operaio dell'ex zuccherificio mi stava anche simpatico, devo dire, vive nella mia stessa circoscrizione, ci conosciamo da vent'anni, almeno di vista, forse si candida consigliere e se non faceva lo stronzo lo votavo pure a lui, anche se fuor di rancore penso sia un coglionazzo, ha all'attivo due mogli e quattro figlie femmine, grandicelle ma ancora a casa. Capirai se schiodano. Con tutte quelle femmine per casa s'è venuto a pigliare proprio mia moglie che siamo solo io e lei... co’ né figli né parenti. Mia moglie, per giunta, è bruttina, cogli occhi un po' collo strabismo di Venere che col cazzo che è sexy, andatelo a dì a ‘n altro, ed è gonfia pevvia della menopausa. Io (che, come si dice, ho le mie colpe pure io) non la tocco più da sei anni. E' intoccabile. Si mette pure la pancera, ma si può? S'è lasciata andare totale. Annaspa nel flaccidume. Ma c’ha l’amante… mia moglie… e io no… ma ci rendiamo conto?
L'amante, che però dice occasionale "sono solo la sua scopamica", l'ha conosciuto proprio in una sezione del partito. La sua scopamica di partito. Io non mi interesso di politica, non ci capisco niente e non mi fido dei giornalisti per capirci qualcosa. Quando mi chiese se volevo andare con lei a tesserarmi, dissi semplicemente no. Preferivo andare al centro di tiro al piattello, bellissimo, o pure ai raduni per gli amatori delle macchine telecomandate a benzina. Disse che non volevo mai fare niente insieme, manco una cosa importante come la politica... che ero il solito egoista di merda. Essia. E lei allora che non perdeva mai occasione di umiliarmi come singolo? che perfino quando dormivo, che magari cercavo il riposo e mi agitavo un po' e sfasciavo completamente il letto, mi diceva "tu non sai manco dormire, tu non sai fare niente". Niente. E allora come si pretendeva che sapessi fare una cosa così importante come la politica? Mi faceva incazzare come una iena. 

Evidentemente però mi sbagliavo. Prima cosa perché oggiggiorno la politica la fanno un po' tutti, cani e porci, e da come ho capito non è importante saperla fare o intendersene, basta prendere i voti. Secondo, dovevo andarci, alle riunioni. Non tanto perché così avrei evitato la cornificazione, andando alla sezione co' lei, (che poi chi può dirlo? magari me la facevano arret lo stesso), ma perché è evidente che i partiti fanno ancora oggi, nonostante tutto, i miracoli... vabbene, non moltiplicheranno i pani e i pesci, non avranno soluzioni per la crisi, non si ridurranno lo stupendio, non penseranno ai più poveri (e perché dovrebbero pensarci? che gli italiani normali ci pensano invece?)... ma guardate che rendere attraente mia moglie, farla apparire desiderabile agli occhi di un altro uomo che di donne ne ha a iosa... è un bel principio di miracolo mica no. Molto più di quelli che si canonizzano oggi. Il miracolo certo sarebbe stato completo se l'avesse riresa appetibile anche a me, ai miei occhi stanchi, ma questo è impossibile. La conosco troppo bene... non si può chiedere la luna. Il partito avrebbe dovuto cancellare i nostri ricordi, resettare tutto, com’era la parola?, “il vissuto” e costringerci in un primo tempo a vederci solo nelle sedi politiche. Ma se abitiamo nella stessa casa... che mi dovevo portare ‘na brandina là alla sezione?


Ovviamente, l'ho picchiata. Appena ho scoperto che mi cornificava - voci di quartiere mi hanno spinto a pedinarla - l'ho riempita di calci e pugni. I calci sono stati abbastanza dolorosi perché mi era presa una tale furia a guardarla che faceva finta di nulla che rientrato dal lavoro non mi ha dato tempo nemmeno di levarmi le scarpe antinfortunistiche. L’ho massacrata là come stavo. Lei devo dire che a parte qualche hihihi e alcune lacrime da coccodrillo non ha urlato. Cioè, ho apprezzato l'intelligenza, e che non si fa straportare dalle stronzate che si sentono in giro... ha riconosciuto che una punizione le andava destinata e che avevo scelto quella classica, per cui tutt'al più poteva accusarmi di essermi rinnovato poco ma per il resto eravamo d'accordo. Vedendola che piangeva, da codardo, dopo un'oretta, sono tornato da lei strisciando e abbiamo fatto una specie di pace. O di tregua. Diciamo. Non saprei. 
Abbiamo pure contrattato delle condizioni, attorno a un tavolo, da persone civili ed educate quali, in fondo, siamo. 
Non potendo andare da lui perché ha la casa piena e, sospetto e comprendo, non la vuole manco morta; non potendo andare dalla madre perché è morta; non potendo contare su uno stipendio suo o su dei risparmi suoi perché ha fatto la parassita tutta la vita; non potendo che rimanere a casa mia; è rimasta a casa mia. Me la sono tenuta per pena e per le lacrime di quella sera. Insomma, a essere menata c'ha guadagnato. 

Naturalmente, le ho imposto un out-out se si dice così: o ti ritiri dal partito o ti fai mantenere da Vendola, o da quello stronzo dello scopamico tuo. Ha strappato la tessera. L'operaio dell'ex zuccherificio non mi saluta tanto più, ma lo capisco. C'ha un sacco di cazzi suoi.
Lentamente, le cose torneranno come prima. 
Animato da questa esperienza ho deciso di iscrivermi pure io ad un partito, ho scelto allora Forza Italia. Spero di trovare un po' d'amore pure io nei circoli di questi qua che se non erro sono proprio i circoli dell'amore... e pure il partito. Era inutile andare dal Pd o da Sel o da M5S, tanto ho deciso che voterò Berlusconi, tanto valeva andare direttamente là da lui. L'unica paura mia è che si daranno tutti delle arie, questi di FI, non lo so, e io non farò mai figura brutto e disgraziato come so', ma non si può mai sapere, mia moglie era un rottame e ha trovato, perché non dovrebbe andare bene pure a me, che so' figlio di mulo io? Mò vado, poi quello che viene viene. Al massimo, anche se non incontro nessuno che mi piace, o che gli piaccio, magari sto partito mi fa tornare in grazia mia moglie, la sua umiltà, la sua pazienza, la sua aura casalinga... che ne sapete che un miracolo partito dalle file di Sel non si compia pienamente dalle parti di Berlusconi? maidiremai. Tutto può esse. 
D'altronde, non tocca a loro salvarci?

Commenti

Post più popolari del mese

Victor Cavallo poeta