L'odore del sangue di Goffredo Parise



Sto leggendo L'odore del sangue di Goffredo Parise. C'è una tensione emotiva e narrativa in questo libro che non mi verrebbe di dire che L'odore del sangue sia di Goffredo Parise. Per quel poco che ne posso capire io, poco c'entrano Il padrone, I sillabari, Il prete bello o il Crematorio di Vienna. 
Certo l'ha scritto Parise ma questo è un romanzo che, potrei dire con un po' di sciatteria, cercava un autore e Parise si è messo completamente a disposizione della tensione emotiva e narrativa che il libro, la storia, la disperazione non so gli hanno ispirato, togliendosi completamente da parte come autore. E' come se fosse il primo libro di Parise. Come se Parise non avesse scritto niente prima di allora e si fosse fatto dettare dal libro... il libro. 
Davanti a certi miracoli letterari mi torna in mente quel concetto che ogni tanto rispolvero, scrittura pura.  
Leggetelo piano. 










Post più popolari del mese

Le ragazze con il grilletto facile

Victor Cavallo poeta

L'Ulisse di Joyce e la nuova traduzione di Newton Compton