Duetti corsari




Commenti

  1. Due pezzi bellissimi.

    Mulholland Drive è uno dei miei film preferiti in assoluto. E la scena all'interno del teatro in cui Rebekah del Rio canta Llorando è semplicemente da brividi.

    Anche Bjork è tra le mie autrici e cantanti preferite.
    Hai visto Dancer in the Dark di von Trier con Bjork? Canta dei pezzi meravigliosi.

    RispondiElimina
  2. P.S.:
    hai visto che è uscito il primo album di Lynch? Ho ascoltato dei pezzi, sono particolari, anche se non propriamente il mio genere.

    RispondiElimina
  3. Mulholland Drive è anche uno dei miei preferiti, ma direi che Lynch è tutto un capolavoro, molti dicono che con Inland Empire abbia esagerato, forse un po' è vero, ma anche no.

    Dancer in the dark è un capitolo per me, un capitolo a parte. Dovrei rivederlo, lo vidi tanti anni fa, e ci furono cose che mi infastidirono tanto (ed altre che mi entusiasmarono), oggi credo che le intenzioni del buon Lars erano di altro tipo rispetto a quelle che m'ero figurato io, certo è che la gente che pianse al cinema come bambini sculacciati era fuori strada, o era "al primo chilometro" della strada.

    Non ho sentito il primo album di Lynch, mi sa che fo una ricerca.

    ciao Biancaneve, mi fa piacere ti siano piaciuti i due pezzi

    RispondiElimina
  4. Guarda, su questo blog (di un ragazzo molto simpatico che seguo), trovi alcuni brani dell'album di Lynch:

    mulosetaccioepiccone.blogspot.com

    In quanto a Lynch, beh, io sono una sua fan accanita dai tempi di Twin Peaks ;-)
    In Inland Empire si è lasciato un po' prendere la mano, sì, diciamo che la parte centrale poteva anche non esserci senza che il film ne avesse risentito. Ma è comunque un'opera immensa.
    Ci ho scritto due righe qui, ma diciamo come spunto per parlare di altro:

    http://ildolcedomani.blogspot.com/2011/03/luce-ed-ombra-quiete-e-movimento.html

    Dancer in the Dark è un film immenso, da rivedere, come tutti i film dell'altrettanto mitico Lars. Recentemente ho rivisto Dogville e ancora non riesco a venirne a capo. Così stratificato di significati.

    Ecco, Lynch e von Trier per me sono due artisti autentici. Artisti prima che registi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari del mese

Le ragazze con il grilletto facile

Dal genio comico di Andrea Cambi

Pensieri da casotto - la rivincita del casotto sull'uomo